Potenza del simbolo & simbolo della potenza – “Armi rituali” dell’Antico Egitto

Antico Egitto: dalla mazza dei tempi arcaici alle armi più evolute, il loro uso in ambito militare ed in importanti contesti rituali. Una variegata ricognizione su manufatti bellici che continuarono nei millenni a mantenere un importante valore simbolico ma anche apotropaico nelle rappresentazioni sacre.

2017.05.14 Potere del Simbolo_002

Andrea Vitussi

Di questo ci ha parlato il dott. Andrea Vitussi lo scorso 14 maggio, nella splendida cornice di Palazzo Gopcevich.

Citando proprio il dott.Vitussi, ” Nelle raffigurazioni “pubbliche” del faraone, sui piloni dei templi, ma anche sui manufatti reali, la potenza del sovrano veniva espressa sin dai primordi in modo ritualizzato, con una scena di sottomissione dei nemici.

La mazza è una delle prime armi che il sovrano impugnò per affermare in modo inequivocabile la sua posizione di superiorità e la sua capacità di annientare i popoli stranieri. Vedremo come alle armi “neolitiche” dei tempi arcaici si affiancarono progressivamente altre armi di diversa natura e fattura e seguiremo la loro comparsa anche in diversi e suggestivi contesti rituali.

Uno sguardo all’uso geroglifico e templare ed ai testi funerari ci chiarirà come, oltre a far parte del ricco corredo militare egizio, questi manufatti continuarono a mantenere un importante valore simbolico e apotropaico nelle rappresentazioni sacre.

sricatti_170514_10336

Il dott. Vitussi mentre descrive un’arma del periodo ramesside da lui stesso riprodotta

sricatti_170514_10320

Parte del pubblico presente alla confernza

Annunci

La Grotta delle Mosche: l’escursione

Il fine settimana del 6 e 7 maggio ci ha visti protagonisti, assieme al Civico Museo di Storia e Arte di Trieste e alla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia in una serie di eventi incentrati sull’importante ripostiglio protostorico della Grotta delle Mosche, sito a San Canziano del Carso.

Domenica 7 maggio si svolge l’atto finale della “due giorni”. Dopo aver appreso, negli impegni del sabato,  della ricchezza e dell’importanza del ripostiglio e aver toccato con mano alcuni reperti, si vanno a visitare i luoghi della storia.

Grotta_delle_Mosche-14

Grazie alla Direzione del Park Škocjanske Jame  (ci preme in particolare ringraziare il dott. Borut Peric per l’aiuto e la disponibilità) i 47 appassionati presenti hanno potuto visitare con un percorso inusuale ma molto suggestivo le grotte che, ricordiamo, sono iscritte nella lista UNESCO del Patrimonio dell’Umanità.

Grotta_delle_Mosche-15

L’area di San Canziano ospita circa 30 siti archeologici, quattro dei quali sono stati visitati dal nostro gruppo: la Grotta Tominč, il castelliere che oggi coincide con una parte dell’abitato, l’ingresso della Grotta delle Ossa e l’apertura della Grotta delle Mosche. Il percorso è stato completato con una visita al museolocale

Grotta_delle_Mosche-16

La Grotta Tominč

Grotta_delle_Mosche-18

I pertugi d’accesso alla Grotta delle Mosche